CLAMOROSO! In seguito ad un censimento a Roma, è risultato un gravissimo scandalo!

Quello che si è scoperto a Roma è riprovevole. Rosalba Castiglione, l’ Assessore alle politiche abitative informa con una lettera che a Roma è stato fatto un censimento, da poco terminato, dal quale è venuto alla luce un grave scandalo!

L’ assessora scrive:” Cari cittadini benestanti occupanti abusivi delle case popolari, dopo aver completato il censimento su circa 23 mila appartamenti dell’ Edilizia Residenziale Pubblica di Roma Capitale. Abbiamo rispolverato una pratica dimenticata,ovvero il censimento degli assegnatari e degli occupanti abusivi delle case popolari”.

“Come sapete gli alloggi popolari hanno uno scopo preciso: essere abitati dai nostri concittadini che un appartamento sul libero mercato, al momento non se lo possono permettere……famiglie in attesa della casa popolare dal 2000”.




“Ora però sappiamo che tra voi ci sono circa 2 mila persone che hanno redditi alti, possiedono già immobili o sono residenti altrove. Un vostro degno rappresentante è proprietario di ben 18 immobili. Altri hanno redditi di 70,80 anche 90 mila euro annui. Siamo certi che sarà facile per voi trovare presto un’ altra sistemazione lussuosa. Abbiamo anche scoperto più di 1600 persone subentrate negli alloggi popolari i cui legittimi assegnatari sono deceduti”.

Abbiamo già iniziato a liberare alcuni nostri alloggi popolari che sono stati assegnati ai legittimi aventi diritto. Parliamo di famiglie deluse, che avevano perso la speranza. A voi , occupanti abusivi benestanti delle case popolari, oggi rivolgo l’ invito a fare un gesto di onestà. Lasciate spontaneamente l’ alloggio e lo assegneremo subito a chi ha realmente diritto”.

Questa la lettera dell’assessora agli abusivi, probabilmente succede ovunque, la cosa importante è che si cominci a mettere mano in questi scandali per ripristinare l’ onestà!

FONTE

POTREBBE INTERESSARTI

loading…


CONSIGLIATI PER TE



Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*