CLAMOROSO! “Il ponte sta per crollare”, l’allarme del sindaco. l’Anas l’ha puntellato con un tronco

Il sindaco di Ponte di Legno (Brescia), Aurelia Sandrini, lancia l’allarme: “Il cavalcavia che collega il paese al passo del Tonale è pericoloso e potrebbe cedere”. Da tre anni il primo cittadino scrive invano all’Anas: “Senza contattare l’amministrazione ha mandato una ditta che dopo aver visto la situazione ha pensato bene di posizionare un tronco di legno sotto il ponte, come puntello”.

Da Ponte di Legno, nel bresciano, arriva un allarme per la tenuta e la stabilità del ponte sulla statale 42 del Tonale. L’occasione arriva dopo un altro crollo di un cavalcavia martedì 18 aprile a Fossato. Oltre agli episodi passati di Ancona ai primi di marzo e in provincia di Lecco il 28 ottobre. Ora è la sindaca camuna Aurelia Sandrini a sollevare il problema. Secondo la prima cittadina, il ponte sulla Ss 42 tra Ponte di Legno e il Passo del Tonale “è pericoloso e potrebbe cedere”.



Lo stesso sindaco sottolinea che da tre anni scrive all’Anas per segnalare le condizioni della struttura, realizzata nel 1980, ma senza ottenere risposte. “L’Anas di Milano non solo non ha mai risposto alle nostre lettere, ma senza contattare l’amministrazione, un giorno ha mandato in paese una ditta – dice la sindaca – che dopo aver visto la situazione ha pensato bene di posizionare un tronco di legno sotto il ponte, come puntello”.

Ma l’amministrazione comunale non sa se quell’operazione abbia reso il ponte più stabile, oppure no. “Al momento non sappiamo nulla e non abbiamo parlato con nessuno dei tecnici. Noi pensiamo che il ponte sia pericoloso e che potrebbe crollare”. In paese sperano in una perizia tecnica per capire la gravità e decidere quali interventi portare avanti per recuperare il ponte.

FONTE

QUIBRESCIA.IT

POTREBBE INTERESSARTI

loading…


CONSIGLIATI PER TE



Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.